Benvenuti al sito del Centro di Riabilitazione Anesis Srl

Orari di apertura : Lunedi - Venerdi - dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19
  Telefono : 0863.41.41.12

Linfodrenaggio

Linfodrenaggio

Il drenaggio linfatico o linfodrenaggio è una metodica terapeutica che ha lo scopo di favorire il drenaggio della linfa dalla periferia dell’organismo al cuore.

Il deflusso linfatico favorisce anche una migliore vascolarizzazione sanguigna che permette un allontanamento delle scorie ed assicura l’apporto di nuove sostanze nutritive ai tessuti.

Si tratta di un metodo rigoroso e scientificamente collaudato, che, data la sua comprovata efficacia sul piano terapeutico, viene indicato per la cura di diverse patologie del sistema linfatico.

Il linfodrenaggio tratta le zone interessate segmentariamente avvalendosi di manovre avvolgenti e leggere, in cui è essenziale una buona manualità, eseguite con un ritmo lento che rispetta i tempi di contrazione delle unità funzionali del sistema linfatico. Il paziente viene trattato dal cuoio capelluto ai piedi, quindi nella sua totalità. È un tipo di massaggio estremamente rilassante!.

Il linfodrenaggio trova principale applicazione nel trattamento del linfedema, ma accanto a questo stanno emergendo nuove indicazioni nel trattamento di alcune patologie di carattere ortopedico-riabilitativo. Il DLM spesso è associato ad altre terapie riabilitative per prevenire e/o curare gli edemi conseguenti a traumi (es. traumi distorsivi) o ad interventi chirurgici (ad esempio nella rimozione chirurgica di linfonodi praticata nella mastectomia per tumori al seno).

Riassumendo schematicamente, le indicazioni al linfodrenaggio sono le seguenti: Edemi, Linfedemi, Sinusiti, faringiti, tonsilliti,Coxartrosi,Sindrome da conflitto di spalla (impengement), Gravidanza, edemi arti inferiori, allattamento, Tromboflebiti solo dopo eparina, Ulcere, Malattie dermatologiche (eczemi non infetti, acne). Già dopo la prima seduta di linfodrenaggio il paziente prova un beneficio immediato, poiché riducendosi il gonfiore tipico dell’edema, si avverte un senso di leggerezza. Proprio per effetto del drenaggio avvenuto è inoltre facile che il paziente avverta, dopo un periodo più o meno breve, lo stimolo di urinare.

Controindicazioni

Le controindicazioni al linfodrenaggio le possiamo dividere in controindicazioni assolute e relative che necessitano dunque di alcuni accorgimenti. Tra le controindicazioni assolute troviamo: Infezioni acute, TBC, Tumori in fase di diagnosi e/o terapia Tra le controindicazioni relative troviamo: L’insufficienza renale (trattare prima della dialisi), Insufficienza cardiaca (trattare un segmento alla volta). Asma, Ipertiroidismo, Pazienti vagotonici (aspettare seduto prima di alzarsi).